Recensione Fotocamera Sony Cyber-shot DSC-W830 | Opinioni.it

Informativa breve sui cookies

Questo sito utilizza cookie di "terze parti", ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Recensione Fotocamera Sony Cyber-shot DSC-W830

Voti
  • Display e mirino: 7
  • Obiettivo e sensore: 8
  • Controlli: 9
  • Funzioni fotografiche ed Extra: 8
Dati tecnici
  • Sensore di immagine da 20,1 MP effettivi
  • Funzione SteadyShot per la stabilizzazione dell'immagine e anti sfocatura
  • Funzione videocamera per filmati HD 720p
  • Zoom ottico 8x
  • Sensore CCD Super HAD da 7,76 mm
  • Sensibilità ISO 80-3200 per foto
  • Compatibile con schede SD
  • File compatibili anche con iMovie e Finalcut Pro X
Punti forti
  • Semplicissima nell'uso
  • Robusta per materiali
  • Efficiente per funzioni ordinarie
  • Economica
  • Versatile per foto e video
Punti deboli
  • Schermo non touch
  • No wifi/bluetooth
  • Piuttosto lenta
  • Funziona bene solo a ISO bassa

Display e mirino
In questa scheda tecnica della fotocamera Sony Cyber Shot DSC W830, andremo a recensire dettagliatamente tutte le caratteristiche tecniche e le funzionalità fotografiche di questo modello di fotocamera compatta, analizzandone pregi e difetti. Partiamo da uno degli elementi principali delle fotocamere compatte: display e il mirino della Sony Cyber Shot DSC W830. Considerando che il mercato negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, ci saremmo aspettati una cura maggiore nello schermo di questo apparecchio Sony. Il display della Sony Cyber Shot DSC W830 non è sicuramente buono come quello di una reflex, ma nemmeno il top fra quelli di fascia analoga. Intanto, prima di tutto non è uno schermo touch, quindi non è possibile effettuare una regolazione semplicemente scorrendo i menù direttamente sul display con un dito, come oramai ci si aspetta praticamente da ogni tipo di dispositivo ottico che si possa considerare al passo coi tempi. Tuttavia il problema è superabile, perché, fino a poco tempo fa, questa tecnologia non era diffusa e si riusciva comunque a fare foto: inoltrre, la mancanza di uno schermo touch, abbassa il prezzo della Sony Cyber Shot DSC W830, che è difatti una fotocamera dal costo decisamente abbordabile. L’altro problema dello schermo della Cyber Shot DSC W830 è la sua scarsa leggibilità dal punto di vista del contrasto in condizioni non ottimali di osservazione. Lo schermo infatti rimane sgranato e scuro se non viene osservato direttamente da davanti, il che obbliga, per esempio nel momento in cui si deve di dare un'occhiata in due alle foto, ad un continuo passamano, che potrebbe essere risolto montando un display di qualità leggermente migliore che non restituisca ombre scure da angoli non ottimali. Se le immagini vengono osservate fuori asse infatti, i colori diventano immediatamente fin troppo scuri, il che rende complicata la scelta degli scatti e le decisioni relative all’illuminazione. Il mirino, trattandosi di una fotocamera integrata digitale, è coincidente con lo schermo da 2.6 pollici. La corrispondenza tra mirino e display è una delle caratteristiche più diffuse tra le fotocamere digitali di questa fascia. In condizioni di utilizzo ordinario, il mirino-display è comunque sufficiente e può essere impiegato senza grosse difficoltà. Inoltre, se tenuto in maniera opportuna, con un po' di pazienza ci aiuta nella lettura sia delle sfocature che della colorazione delle foto.
Scopri anche le opinioni sulla fotocamera Nikon Coolpix S7000.

Obiettivo e sensore
L’obiettivo della fotocamera Sony Cyber Shot DSC W830 monta una lente Zeiss tutto sommato molto fedele, con una buona meccanica per la focalizzazione ed estremamente silenziosa. Considerando che si tratta di una fotocamera compatta con un sensore da 20MP, in campo di funzionamento ordinario, cioè con impostazione da ISO 80 fino a ISO 200, funziona piuttosto bene. Entro questi campi di velocità l’obiettivo non è fonte di aberrazioni (né cromatiche, né di parallasse) e il convertitore integrato riesce egregiamente a compensare gli inevitabili problemi che si hanno con uno zoom piuttosto spinto. I colori risultano vivaci e naturali e la compensazione delle bruciature del bianco avviene in maniera del tutto automatica anche in fase di presa, evitandoci i fastidio di dover poi correggere il parametro in post produzione: per una fotocamera di fascia bassa si tratta infatti si un'operazione non sempre comoda. Trattandosi di una fotocamera economica le prestazioni sono da considerarsi deciamente buone, se confrontate a quelle di altre fotocamere della stessa fascia di prezzo entry level. Se però ci si spinge in campi di ISO superiori, fa 400 e 3200, valori comunque dichiarati dal costruttore per l'impiego, i problemi iniziano a farsi sentire e sono molto forti. Per chi avesse bisogno di una delucidazione sul significato del parametro ISO, in parole povere possiamo dire che il parametro ISO rappresenta la velocità della fotocamera. Il primo problema, e sicuramente il più fastidioso, è la presenza a questi livelli di velocità di un forte rumore di fondo, segno che il DSP integrato nella fotocamera ha raggiunto i suoi limiti nella capacità di correggere gli errori sia di campionamento del file raw acquisito direttamente dal sensore, sia le inevitabili difettosità della parte ricevente. il sensore è a camera CCD e quindi risente fortemente di problemi legati alla velocità di risposta. In buona sostanza per ISO alte, la fotocamera è rumorosa: con questo intendiamo dire che l’immagine è sporca e piena di artefatti. Salendo ancora, diventa inutile cercare di spingersi oltre ISO 1600, a 3200 se le condizioni di presa non sono più che ottimali, si produrrebbero solo file illeggibili.
Ricordiamo in ogni caso che stiamo parlando di una fotocamera tascabile di fascia economica e non di una reflex professionale di fascia alta, quindi le applicazioni a ISO elevato non sono da considerare quelle target per eccellenza. A ISO elevato i colori smettono di essere leggibili e fedeli e le aberrazioni diventano insostenibili, quindi in caso di necessità specifiche in questo settore, non è questa la fotocamera più adatta da acquistare. In condizioni di buona luminosità e zoom ragionevoli invece, la Sony Cyber-shot DSC-W830 è e rimane una fotocamera buona e consigliabile soprattutto per uso domestico, perché molto facile da spiegare anche ai bambini. Leggi anche le opinioni degli utenti sul modello Nikon Colpix.

Controlli
Come già detto nel paragrafo relativo allo schermo, la fotocamera non è touch, ossia ha i controlli tradizionali a pulsanti a fianco del display e il pulsante per gli scatti sul lato superiore. La pulsantiera della fotocamera Sony DSC-W830 è comoda e intuitiva, con un grosso controllo rotondo con pulsante centrale per navigare in verticale e in orizzontale le varie directory e abilitare il flash in maniera semplice da capire anche solo guardandola. Il pulsante menù introduce alle sezioni di controllo interne della fotocamera che seguono uno standard a cartelle piuttosto ordinario, quindi facile da imparare anche per chi non è esperto per esempio di computer o cellulari. Per come sono strutturati i controlli, anche un bambino di 4 anni riesce a capirli dopo qualche tentativo, e questo è decisamente un grosso punto a favore. Le modalità si attivano con un pulsante a scorrimento dedicato e con indicazioni chiarissime anche in questo caso. In sostanza si intuisce che la fotocamera DSC-W830 è stata concepita da Sony per essere utilizzata velocemente e sin da subito senza nessun bisogno di mettersi a leggere il libretto delle istruzioni (che comunque è scritto in maniera molto chiara e altrettanto chiaramente dissipa ogni dubbio sull’impiego di questo apparecchio).

Funzioni fotografiche ed Extra
Le funzioni fotografiche della Sony Cyber-shot DSC-W830 per uso ordinario in una gamma ISO inferiore ai 400 sono buone, in linea sia coi prodotti di Sony che della concorrenza di mercato. Il file prodotto dalla fotocamera è ben leggibile, con colori fedeli e abbastanza profondi, trattandosi di una fotocamera economica. Il tempo per lo scatto in condizione di luce buona, come diurna o ambiente chiuso ben illuminato si aggira sul mezzo secondo che è comunque un tempo piuttosto considerevole, quindi si tratta di una fotocamera buona per immagini statiche e in posa, per esempio, ma sicuramente non per lo sport dove ci si aspetta una velocità enormemente superiore. Nella fascia di impiego domestico, questa limitazione è pressoché inesistente, perché le nostre foto saranno molto probabilmente preparate un minimo. Se la si desidera impiegare in modalità scatto continuo abbiamo proprio sbagliato prodotto, perché in condizioni ottimali passano 2 secondi fra un fotogramma e l’altro, e con illuminazione scarsa la situazione peggiora anche di parecchio perché i tempi diventano improponibili e superiori ai cinque secondi, con una resa qualitativa pessima. Continua quindi ad essere una buona fotocamera per buone condizioni ma non adatta a casi limite, come spesso accade per prodotti in questa stessa fascia di prezzo. In video con 1280x720 pixel a 30 fps si può considerare tranquillamente buona, anche si non è full HD. 
In questa modalità perde leggermente di dettaglio ma mantiene colori vividi e una buona coerenza di immagine, perfetta per compleanni, feste e bei momenti in compagnia, producendo piccoli video che tutto sommato non deludono. Confronta questa fotocamera compatta con la macchina fotografica Canon Powershot Sx 210 Is. Sei invece alla ricerca di una buona videocamera? Scopri le Videocamere preferite dagli utenti

Giudizio Finale
La fotocamera Sony Cyber-shot DSC-W830? è tutto sommato un buon prodotto per uso domestico sia come fotocamera che piccoli video. La qualità delle foto è ragionevolmente buona, se l'illuminazione lo è altrettanto e, a meno di non voler esagerare con le condizioni limite, non dà problemi, anche con zoom piuttosto spinti. I controlli a pulsantiera si usano in maniera immediata e intuitiva e la loro comprensione è quasi automatica, il che rende questa fotocamera DSC-W830 un prodotto eccellente per chi non ha molta voglia di capire ogni singola funzione tramite il manuale ma vuol usarla sin da subito. Per i video domestici le prestazioni sono piuttosto buone con riprese accettabili sebbene non full HD, quindi è sicuramente un prodotto molto adatto a chi vuol immortalare i suoi eventi speciali senza spendere una fortuna e non prevede di farsi prendere da velleità artistiche. Unica pecca considerevole è il display che potrebbe essere più versatile e la mancanza di wi-fi, che obbliga all’uso del cavetto USB sia per caricare le batterie che per scaricare le foto, fra l'altro la presa è stata collocata in un punto piuttosto scomodo che obbliga a tenera in una posizione non esattamente ottimale durante le operazioni. Voto finale 8 su 10.