Recensione Monitor BenQ GL2250 | Opinioni.it

Informativa breve sui cookies

Questo sito utilizza cookie di "terze parti", ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Recensione Monitor BenQ GL2250

Voti
  • Struttura: 7,5
  • Tecnologia e Perfomance:8,5
  • Ingressi: voto 7
  • Controlli: 7,5
Dati tecnici
  • Pannello da 21,5 pollici, risoluzione Full-HD, 102.46 punti per pollice;
  • Ingresso HDMI, DVI, VGA e ingresso-uscita audio analogico;
  • Pannello basato su tecnologia LCD TN;
  • Regolazione dell'inclinazione di -5-15 gradi;
  • Attacco VESA per l'installazione su altri supporti
Punti forti
  • Nitidezza delle immagini superlativa;
  • Assemblaggio rapido ed intuitivo;
  • Alimentazione integrata;
  • Svariate opzioni di connessione
Punti deboli
  • Mancanza di regolazione dell'altezza;
  • Assenza di un sistema di altoparlanti integrati

Struttura
I monitor di fascia economica, generalmente, puntano tutto sulla qualità delle immagini, a discapito della qualità costruttiva. Discorso a parte, però, per questo BenQ GL2250, che risulta caratterizzato da una struttura piuttosto solida e meritando per questo motivo una discreta valutazione di 7,5.
Il pannello frontale è racchiuso in una cornice in plastica nera lucida, così come l'asse centrale e l'asse d'appoggio. La scelta di questo materiale dà si spazio e visibilità alle impronte, alla polvere e talvolta a fastidiosi riflessi, ma risulta nel complesso una scelta piuttosto azzeccata, che dona a questo monitor un design molto gradevole. Il retro del pannello, invece, è caratterizzato in plastica opaca. La qualità costruttiva del BenQ GL2250 può essere considerata sopra la media, in quanto le plastiche utilizzate sembrano solide e, nonostante una sensazione di vuoto che si ha toccandole, non presentano nessun tipo di scricchilio indesiderato o flessione nel telaio.
Il BenQ GW2250HM arriva in tre parti distinte, ma è un gioco da ragazzi assemblarlo. Basta, infatti, fare clic sul supporto nella base e quindi far scorrere il monitor sulla fibbia di metallo dello stand per aggangiare saldamente il pannello alla base.
Trattandosi di un pannello di fascia medio-bassa, non offre molte possibilià di regolazione. Infatti, risulta possibile solo regolarne l'inclinazione, dai -5 ai 15 gradi, mentre l'altezza sulla base rimane fissa. In ogni caso, è possibile sorvolare questi problemi grazie alla possibilità di montare il pannello su diversi supporti, staccandolo quindi dalla base in dotazione. Ad esempio, è possibile montarlo su un supporto regolabile grazie all'attacco VESA sul lato posteriore, ossia grazie ai due fori posti alla distanza di 100mm l'uno dall'altro. Per quanto concerne le dimensioni, il BenQ GL2250 offre una diagonale di 21,5 pollici che, contando la cornice e la base di supporto, si traduce nelle seguenti dimensioni: 52,5 centimetri di larghezza e circa 40 centimetri di altezza. Per quanto riguarda il suo peso, infine, questo risulta di circa 3,7kg, abbastanza importante da far rientrare questo monitor nella fascia di peso medio-alta. E 'bello vedere che, nonostante le dimensioni sottili di questo BenQ, l' alimentatore risulta integrato nel monitor. Questo non solo riduce l'ingombro, ma significa anche che ci vuole un cavo di alimentazione standard per alimentarlo.
Scopri tutti i pannelli e le migliori Smart TV votate dai consumatori.

Tecnologia e Performance
Come accennato, il BenQ GL2250 offre un'elevata qualità delle immagini, a discapito forse di altre caratteristiche, come ad esempio la scarsa qualità delle plastiche utilizzate. La risoluzione massima di questo pannello è quella FullHD (1920x1080) che, se rapportata alla sua diagonale pari a 21.5 pollici, si traduce in un rapporto pixel/pollice molto alto, pari a circa, 102 PPI. La tecnologia alla base del pannello è quella LCD TN che, abbinata al lato software, consente a questo monitor di coprire tutte le lacune della tecnologia in questione. I tempi di risposta di 5ms, infatti, risultano eccellenti e permettono a questo monitor di non presentare quel fastidioso effetto scia. La gamma di colori è la migliore che si possa ottenere con un pannello LCD di tipo TN, grazie ai 16,7 milioni di colori. BenQ, inoltre, ha integrato in questo monitor la sua tecnologia proprietaria Ultra High Dynamic Contrast, che permette al pannello di raggiungere un rapporto di contrasto dinamico pari a 12.000.000:1, mentre quello nativo risulta pari a 1000:1. Nonostante la tecnologia LCD TN, inoltre, il BenQ GL2250 è caratterizzato da angoli di visione piuttosto ampi, anche se risultano leggermente inferiori a quelli offerti da un pannello di tipo LCD IPS.
Grazie all'elevata risoluzione, così come il rapporto pixel/pollice, quindi, questo monitor offre una nitidezza superiore alla media, quasi impossibile da trovare su altri monitor della stessa fascia di prezzo. Casse e Diffusori Acustici per i tuoi monitor: scopri i modelli più votati dagli utenti.

Ingressi
E' sorprendente la quantità di connessioni che BenQ è riuscita ad includere in questo monitor molto conveniente. L'GL2250, infatti, non solo dispone degli ingressi VGA e DVI, le opzioni più comuni presenti sulle soluzioni economiche, ma dispone anche di un ingesso HDMI per l'attacco di una console e altri dispositivi multimediali, oltre che un ingresso e un'uscita audio analogica. Di certa l'assensa di un ingresso Display Port è molto significativa, considerando che questo nuovo standard sta trovando un'ampia diffusione. Inoltre, sono assenti anche le porte USB, vanificando quindi la possibilità di riprodurre contenuti multimediali con questo monitor attraverso una semplice chiavetta USB o un Hard Disk esterno. A vantaggio della sua compattezza, questo monitor rinuncia ad un sistema di altoparlanti integrati e, al momento, non dispone nemmeno di una soundbar dedicata. Nella confezione, infine, non è presente un cavo video digitale, ma si tratta comunque di un accessiorio la cui reperibilità è abbondante nel mercato. Monitor e Smart TV: ecco i modelli più votati dai consumatori.

Controlli
I controlli di cui dispone il BenQ GW2250HM sono accessibili e facili da usare. Sono una serie di sei tasti fisici lungo il lato destro del monitor, fra i quali quattro controllano l'OSD. Nonostante i monitor può recenti abbiano controlli Full-Touch, i tasti meccanici presenti in questo monitor presentano un buon feedback e risultano facilmente individuabili, grazie anche alle etichette poste sullo schermo.
L'unica lamentela riguardo i controlli di questo monitor, è che tutti i tasti hanno la stessa forma e dimensione, anche il tasto 'Auto' sulla parte superiore. Il pulsante di accensione ha un LED verde, che rende possibile l'utilizzo di questi controlli anche nel buio.
L'OSD del GL2250 è tipico di BenQ. E 'colorato e abbastanza semplice, con tutte le opzioni che si potrebbero desiderare. L'unica pecca è che alcuni di loro non hanno nomi semplici. La temperatura del colore, ad esempio, è misurata in "bluastro",piuttosto che gradi Kelvin, e ogni preset tranne sRGB o Standard è orribilmente configurato.
E' possibile accedere al pannello di controllo premendo il tasto menù, in modo da far apparire sullo schermo una finestra con diverse schede, ognuna dedicata alla configurazione di diverse caratteristiche. Queste spaziano dalla opziodi di visualizzazione, che permettono, ad esempio, di regolare la risoluzione e la posizione dello schermo, alle proprietà delle immagine, ossia i comuni controlli che permettono di regolare, luminosità, nitidezza, contrasto, retro-illuminazione e altri settaggi avanzati, come la selezione dell'input e così via.
Infine, il BenQ GL2250 offre ben sei impostazioni predefinite, in base alle proprie esigenze. Ad esempio, è possibile impostare la modalità standard per un uso del monitor generico e produttivo, la modalità gaming per aver il minor tempo di risposta e la massima esperienza di gioco, la modalità film per avere un ottimo rapporto di contrasto e una luminosità dinamica. Molto importante, infine, è la modalità ECO, che permette di ottimizzare il risparmio energetico. Scopri tutti gli altri marchi di elettronica votati dagli utenti

Giudizio Finale
BenQ ha decisamente rivalutato i suoi standard di mercato, ponendo una particolare attenzione ai suoi prodotti di fascia economica. Il risultato lo si può osservare con il suo BenQ GL2250 Flicker Free LED Monitor, un monitor incredibilmente conveniente che, però, offre un'eccellente qualità dell'immagine, buoni angoli di visione, generose opzioni di connessione e un design molto attraente, che si traduce anche in dimensioni piuttosto compatte. Il tempo di risposta pari a 5ms è un altro punto a favore di questo monitor, merito del pannello LCD TN, rendendo praticamente inesistente il fastidioso effetto scia durante la fruizione di contenuti multimediale e durante le sessioni videoludiche.
Considerata la fascia di prezzo in cui risiede, questo monitor è caratterizzato da una qualità costruttiva superiore della media, anche se non ci si può aspettare lo stesso dalla qualità delle plastiche che lo compongono. L'assenza di ulteriori possibilità di regolazione del pannello, infine, può essere facilmente sorvolata, soprattutto se si riesce ad apprezzare la grande resa grafica di questo monitor. Il nostro verdetto premia ampiamente questo monitor, affibiandogli un voto di 8 su 10. Se si è alla ricerca di un monitor Full-HD, dedicato sia all'ambito multimediale che al lavoro, concludendo, non si può scegliere diversamente.